domenica 4 dicembre 2016

Euro Trail (Paderno Dugnano) - 4 dicembre 2016

Questa mattina, a Paderno Dugnano, ho partecipato alla terza edizione de "EuroTrail" organizzata dai bravissimi ragazzi dell'atletica Euroatletica2002 che hanno fatto, come sempre, un'ottimo lavoro, tutto impeccabile che ha coinvolto tantissimi partecipanti, ma soprattutto che ha fatto "gioire" migliaia di bambini che si sono divertiti correndo sui campi di gara tutto segnato all'interno del Parco Lago Nord. 
Per me è la terza partecipazione e verrei ancora molto volentieri negli anni avvenire per un solo semplice motivo: mi piace veramente un sacco il percorso! 
Il tracciato è lungo 7.4 km, molto nervoso, molto duro, c'è un continuo cambio di ritmo, curve secche, gradini da affrontare, discese sui pratoni, salite dure, insomma ce n'è di tutto coloro... si può dire che è un vero e proprio piccolo Trail! 
Il percorso lo conoscevo bene e ci tenevo tanto a fare una buona gara cercando di concluderla intorno ai 30 minuti come nelle prime due edizioni. 
La partenza era scattata alle 9 in punto e subito ho impostato un buon ritmo andando, come al solito, in affanno. 
Durante la corsa ho notato che è stato leggermente cambiato il percorso allungandolo di circa 400 metri e che personalmente mi è piaciuto di più. 
I minuti passano in fretta, fisicamente stavo bene, affrontavo le salite senza grossi problemi, riuscivo a recuperare piano piano delle posizioni dove alla fine ho tagliato il traguardo col tempo finale di 31' 56" (media del 4' 33"/km) classificandomi 50° assoluto (6° di categoria) su 245 finisher. 
Per vedere il sito della gara: clicca qui !

giovedì 1 dicembre 2016

Campione nello Sport, Campione nella vita. ALEX ZANARDI (Barzanò) - 1 dicembre 2016

Non ci sono parole per descrivere la personalità di questo grande personaggio ... è davvero unico, speciale e ha una forza di affrontare la Vita fuori dagli schemi, in modo anormale,  affronta la Vita di tutti i giorni in modo semplice, umile, esattamente come uno "Normale" ! Noi dobbiamo seguire il suo esempio e capire che nella Vita della disabilità, come nel mio caso (audioleso), è possibile raggiungere qualsiasi sogno, che non bisogna fermarsi mai e che non dobbiamo arrendersi al primo ostacolo quando ci si presenta. Io, Zanardi, e molti altri invalidi, purtroppo, veniamo spesso discriminati e presi in giro da ignoranti e questo fa sì che noi non riusciamo ad essere all'altezza! Anzi siete voi persone che dovete smettervi di trattarci come da emarginati, siete voi che dovete cambiare comportamento verso nei nostri confronti e mettetevi nei nostri panni giusto per farvi capire come ci sentiamo. Ricordatevi questo: una persona vera guarda l'individuo, la sua singolare personalità e non la sua disabilità.  
Grazie Alex Zanardi per aver accettato di fare 
il "selfie" insieme :-)
Paralimpiadi di Rio 2016

domenica 27 novembre 2016

33° Firenze Marathon - 27 novembre 2016

Dopo aver partecipato alle maratone più belle d'Italia come Roma (nel 2005, 2007 e 2011), Venezia (nel 2009, 2010 e 2015), Padova (nel 2007 e 2010), Milano (nel 2011 e 2014), Reggio Emilia (nel 2010 e 2014) ecco che ho arricchito ulteriormente il mio palmares, arrivando a quota 13 maratone, dopo aver partecipato, e portato a termine, la 33° edizione de "Firenze Marathon". 
... Firenze ...
Una bella manifestazione fiorentina che, per il quinto anno consecutivo e per l'ottava volta nella storia della manifestazione, ha superato la barriera dei 9.000 iscritti e si conferma, ancora una volta, saldamente la seconda in Italia per numero di partecipanti, dietro solo alla maratona della capitale. 
La giornata era fantastica, senza pioggia, col sole a fare capolino durante la mattinata e c'era un clima ideale per correre. 
Non avendo fatto nessun allenamento specifico (come al solito!), non avendo fatto nessun fondo lungo, non avendo nelle gambe più di 21 km di gara avevo ugualmente deciso di iscrivermi sulla distanza di 42 km e 195 metri giusto per parteciparla, per divertirmi e soprattutto per raggiungere un unico obiettivo: portare a casa la medaglia finisher. 
Il percorso di quest'anno è nuovo e sentendo coloro che hanno già partecipato hanno apprezzato molto il nuovo tracciato. 
... Chiesa di Santa Maria del Fiore (Piazza del Duomo) ...
Scrivo subito che la partenza e l'arrivo erano in una posizione davvero invidiabili, presso la bellissima Piazza del Duomo, in mezzo fra la Cattedrale di Santa Maria del Fiore e il Battistero di San Giovanni, davvero unici, magnifici, di grande, unica e rara bellezza! 
La partenza era scattata alle 8:30 e stare in mezzo a tutta quella marea di gente è una cosa davvero indescrivibile, non ci sono parole adatte per descrivere questa bellissima emozione! 
... gruppo pacer 3h 30' ...
Come avevo già stabilito mi ero messo col gruppo dei palloncini (pacer) delle 3h 30' (ritmo a 5'/km) con la speranza di riuscire a seguire il loro passo fino alla fine. 
... colazione pre-gara ...
Correre questa maratona è stato un pò come visitare un museo a cielo aperto perchè si andava a toccare tutti i principali monumenti della città. 
... stralcio del percorso all'interno del Parco delle Cascine ...
Non è mai stata una corsa noiosa, monotona, anzi... è stata davvero spettacolare sin dall'inizio dove per prima si attraversava il centro storico per poi andare a correre in mezzo alla natura: Parco delle Cascine per circa 6 km. 
Percorrere lungo le sponde del fiume Arno (Lungarno), andare fino allo stadio, in zona Campo di Marte, dove si correva all'interno della pista atletica, per poi ritornare di nuovo in centro percorrendo a attraversando le magnifiche piazze come per esempio la Piazza della Signoria. 
... Palazzo Vecchio ...
Significativo, bello ed emozionante è stato quello di percorrere il Ponte Vecchio in mezzo a due ali di folla che faceva il grande tifo!. 
... Piazza della Signoria, vista dalla Torre di Arnolfo (Palazzo Vecchio) ...
C'è anche da dire che il tracciato è scorrevole, ma non era proprio del tutto piattissimo, c'erano vari saliscendi. 
... cena pre-gara : spaghetti all'Amatriciana ... prima parte ...
...... cena pre-gara : Calzone al prosciutto ... seconda parte ...
Immagino che vi state chiedendo com'è andata la mia corsa?! Beh... direi così così. 
... intorno al 37° km ...
"Purtroppo" non sono riuscito a mantenere lo stesso passo per l'intera gara, sono andato in crisi poco dopo il muro del 30° km. 
... stralcio del percorso in centro storico ...
Fino al 20° km avevo un passo regolare e poi ho avuto un colpo di freddo (eravamo lungo il fiume Arno) dove sono stato costretto a fermarmi. 
... La Cupola e la Torre del Duomo di Firenze ...
Dopo la sosta avevo ripreso a correre con un passo veloce perchè volevo riprendere il gruppo dei palloncini affrontando il ritmo di 4' 40"/km recuperando parecchi atleti. 
Avevo corso in modo "esagerato" per circa 10/11 km perchè ancora non avevo recuperato il gruppo dei pacer dove poi avevo iniziato a sentire le gambe che diventavano sempre più dure e di conseguenza avevo iniziato a rallentare la corsa fino ad arrivare anche a camminare. 
Avevo capito dopo che avevo sbagliato, cioè dopo la sosta dovevo soltanto proseguire con il passo di prima e invece... ormai il danno era già stato fatto e non si poteva più ritornare "indietro". 
... tutti i tempi parziali ...
Avevo tenuto duro fino al 34° km, ma poi ho deciso di mollare e di alternare la corsa con passo veloce percorrendo più di 6 minuti al chilometro. 
... Ponte Vecchio ...
Gli ultimi 4-5 km di gara sono stati davvero un'eternità e che non passavano mai! 
Nemmeno al cartello del 42° km non ero riuscito ad andare più forte, anzi è stato quello che ci ho messo di più, ben 7 minuti e 26 secondi per affrontare l'ultimo chilometro di fatica, ma è stato bello ugualmente perchè ero continuamente incoraggiato da tantissime gente che mi dicevano di non mollare, di tenermi duro e che ormai era finita! 
... il meritatissimo pranzo post-gara ...
Ecco che finalmente che mancava veramente pochissimo, passo vicino al Duomo, curva a sinistra, ultimo sprint (?? così tanto per dire) e ho tagliato la maratona col tempo di 3h 45' 50" classificadomi 3076° assoluto su 8234 finisher. 
... l'arrivo con dietro il Duomo di Firenze ...
Appena ho superato la riga del traguardo, ecco che mi era venuto giù una lacrima di commozione e di gioia perchè, nonostante la grande fatica e nonostante la caviglia "malata", anch'io sono stato un Finisher! 
... con la medaglia finisher ... 
Grazie Firenze, grazie per tutto, grazie per averci regalato tante emozioni correndo in una città davvero unica, ricco di storia e di arte (ma anche di gastronomia :-P) !
Per vedere il sito della gara: clicca qui !