domenica 5 luglio 2020

Crono Autocogliati Virtual (Brumano - BG) - 5 luglio 2020

Sempre l'infaticabile patron Giorgio Pesenti della società Serim ha organizzato un'altra gara post Covid-19 chiamata "Crono Autocogliati Virtual" che era anche valevole come campionato nazionale CSEN outdoor di trail running by Zenithal.
... punto di ritrovo ...
Un fantastico tracciato di 14,4 km (904 mt D+) percorrendo il periplo del Resegone con partenza e arrivo presso Brumano (911 m s.l.m.) in Valle Imagna (BG).
... il traguardo ...
Giornata fantastica, cielo azzurro e temperatura estiva, un mix di elementi che ci hanno regalato ai pochi, ma validi atleti un'esperienza unica con un percorso davvero spettacolare, ben percorribile, tutta da spingere... che ci hanno letteralmente incantato!
... la partenza ...
La formula è la stessa della volta scorsa, a cronometro (chip usa-getta) interamente autogestito con partenza "libera" dalle ore 7:30 alle ore 9 con distanziamento di almeno 30 secondi da chi li precede.
... chip monouso ...
Dopo il countdown ecco che iniziava per me la seconda gara di questa stagione e per prima cosa cercavo di non tirare troppo per lo scarso allenamento (ma dai!?) e soprattutto volevo capire come andava il ginocchio che purtroppo ancora non è del tutto risolto (pare che il problema si tratta d'infiammazione al Tendine Rotuleo).
... zona rossa, infiammazione del rotuleo ...
Sentiero subito in salita seguita da falsopiano in direzione Passo della Porta e poi alla Passata entrando così nel territorio della provincia di Lecco per poi transitare davanti al rifugio Capanna Alpinisti Monzesi (1.170 m s.l.m).
Da qui si affrontava una salita per il Passo del Fò per poi riscendere con deviazione verso sinistra per Piani d'Erna. Intorno al 9° km circa ecco che ci siamo trovati ai Piani d'Erna (sentieri di casa!) dove si prendeva il sentiero n° 7 verso la cima Resegone (che era il contrario della ResegUp) andando a conquistare il GPM passo del Giuff a quota 1.531 s.l.m..
Da qui era ormai tutta in discesa passando prima dalla Sorgente delle Forbesette poi il rifugio nuovo del Cai del Resegone per poi perdere bruscamente quota fino a raggiungere il traguardo posto dinanzi l'azienda Agricola Rota Mauro e Pasquina.
... vista spettacolare sulla città di Lecco ...
Alla fine l'ho completata col tempo finale di 1h 57" 20" classificandomi 32° posto su 45 finisher. Sicuramente il tempo è troppo alto per me, ma ho avuto "problemi" al ginocchio (come avevo previsto) soprattutto nei tratti in discesa dove avevo cercato, anzi avevo sperato di andare di più, ma alla fine non ero stato capace!
... selfie con Capanna Alpinisti Monzesi ...
Però tutto sommato, nonostante il problema, sono rimasto ugualmente soddisfatto della gara, di averla partecipata e di aver scoperto dei nuovi sentieri mai visti d'allora! 
Competizione davvero interessante per gli amanti del verde e chissà se un domani potrebbe diventare una delle tante gare di Corsa in Montagna... perché no ?

martedì 23 giugno 2020

Rifugio Rosalba + Cima Grignetta (Piani dei Resinelli - LC) - 23 giugno 2020

... selfie dal Rifugio Rosalba ...
... vista sempre da Rifugio Rosalba ...
... croce di Grignetta ...

sabato 13 giugno 2020

Crono Running Virtuale (Clanezzo di Ubiale - BG) - 13 giugno 2020

Sono passati esattamente 118 giorni senza toccare la divisa Falchi, sono trascorse ben 16 week-end senza gareggiare (ultima corsa è stata la mezza di Verona, 16 febbraio) ... e finalmente oggi ho avuto l'onore di riprendere la divisa della società dallo scantinato e di rimetterla di nuovo per poter partecipare alla prima edizione di Corsa in Montagna chiamata "Crono Running Virtual" di 7 km circa e 500 metri di dislivello.
Piccolo evento sportivo organizzato dalla società Serim capitanata da Giorgio Pesenti che, pur rispettando le normative anti Covid-19, ha tentato di realizzare questa nuova formula che a mio avviso tutto è andato bene!
... chip mono uso ...
L'evento si è svolto a Clanezzo di Ubiale (Bg), piccolo paese situato in Val Brembana, e il ritrovo era presso la cascina Belvedì.
... Cascina Belvedì di Clanezzo di Ubiale ...
Si iscriveva sul posto, veniva consegnato il chip monouso da legare alla scarpa, la partenza era autogestita dalle ore 7:30 alle ore 9 e si doveva avere obbligatoriamente la mascherina e rispettare la distanza di sicurezza prima e dopo la corsa.
... un tratto di salita ...
Ecco che finalmente ero pronto a partire, avevo l'adrenalina a mille, non vedevo proprio l'ora di gareggiare, sapevo che il clima non era proprio come in passato, ma lo spirito di correre, la voglia di fare fatica, la voglia di sudare... no, quelli sono rimasti sempre quelli, tali e quali come prima!
Inizialmente si correva in piano su strada sterrata per circa 2 chilometri (molto bello), per poi deviare a destra dove si prendeva il sentiero iniziando così ad affrontare la salita abbastanza tosta di circa 2,2 km interrotto da qualche falso piano.
Il "gran premio della montagna" era posto presso la cima del Monte Ubione (895 mt) dove si aveva una vista spettacolare dove mi era venuta la voglia di fermarmi per fare qualche foto.
Da qui era tutta in discesa, bisognava soltanto spingere, far girare le gambe al massimo fino ad arrivare di nuovo alla cascina dove c'era il traguardo ad aspettarci.
... tratto in discesa ...
Alla fine ho completato la prima gara post-covid col tempo di 1h 02' 46" classificandomi 13° posto su 17 finisher; è vero che eravamo veramente in pochi, ma non era molto pubblicizzata, infatti è stato proprio un caso di aver saputo di questa corsa!
... al traguardo ...
Per quanto mi riguarda non sono andato un granchè, non perchè ero rimasto fermo per tanto tempo, ma per il ginocchio che ancora mi dà fastidio, per cui avevo corso usando molto la testa proprio per evitare di sentire ulteriore dolore.
Soprattutto nel tratto in discesa avevo perso parecchio tempo (e direi anche troppo!), non riuscivo proprio a spingere, mi sembrava di essere come uno che non ha mai corso in vita sua, ma alla fine andava bene così, soprattutto molto contento di averla partecipata e di essere arrivato fino in fondo!

... prima colazione post-covid :-) ...

domenica 7 giugno 2020

“XI° Virtuale” ResegUp (Lecco) - 6 giugno 2020

Oggi doveva essere una grande giornata speciale per gli appassionati di Corsa in Montagna; oggi la città di Lecco si sarebbe trasformata in un momento di Festa, si sarebbe tutta paralizzata per accogliere, per tifare, per applaudire i 1.200 persone che avrebbero dovuto conquistare la Vetta del Resegone affrontando con sudore, con fatica e con passione i massacranti 24 km (1800 mt D+).
Avremmo dovuto macinare metro dopo metro, passo dopo passo, fino ad arrivare a toccare il cielo con un dito per poi ripiombarsi di nuovo in centro città dove ci sarebbero aspettati i nostri famigliari, genitori, nipoti, bambini, amici, amanti, turisti ad accoglierci come dei veri e propri EROI chiedendoci foto e selfie!
Infatti oggi, sabato 6 giugno (alle ore 15:30), si sarebbe dovuto svolgere l'11° edizione de “ResegUp” by 2Slow, una spettacolare competizione irrinunciabile che ha stregato ormai il cuore di tutti noi.
E come ben sapete purtroppo l’evento è stato annullato a causa del Covid-19 (scelta ovviamente condivisa da tutti) e così per non perdere la tradizione mi sono auto-iscritto e auto-gareggiato in maniera “virtuale”!
... selfie Io e re Resegone ...
La sensazione è stata un po’ strana e calcare il sentiero della gara, quello che è diventato per me ormai un evento di “casa”,  è stato davvero molto bello, emozionante e per la prima volta l’ho affrontata in maniera molto, ma molto turistica dove ho potuto ammirare al meglio il panorama a 360° … e che roba bagài !!!
Portato a casa anche l’edizione speciale 2020 … non mi resta che augurare che la situazione, in cui tutti stiamo vivendo, migliori e di recuperare tutto ciò che abbiamo perso nell’anno avvenire... speriamo bene!

domenica 24 maggio 2020

Transumanza - Lecco (23 maggio 2020)

E' stata davvero una bella levataccia, ma ne è valsa proprio la pena... Sto parlando dell'antico rito della transumanza con 3.000 pecore che hanno attraversato la città di Lecco.
Uno spettacolo che non volevo assolutamente perdetelo così come in tanti si sono voluti alzarsi di buon mattino per assistere come spettacolo unico!
La "processione" è iniziata intorno alle 6:15 dal Ponte Vecchio (erano partiti dalla Brianza) per poi salire lungo le vie Amendola, Largo Caleotto, Tonale, Don Luigi Monza, Valsecchi per poi prendere la strada mandria che porta a Montalbano e sbucare a Ballabio.
Da qui raggiungeranno gli alpeggi Valsassinesi dove trascorreranno l’estate per poi riprendere, a Settembre, il viaggio a ritroso.