domenica 10 febbraio 2019

Mezza del Castello (Vittuone - MI) - 10 febbraio 2019

Oggi è andata in scena la 15° edizione de "Mezza del Castello" svoltasi a Vittuone (livello Bronze - Fidal), in provincia di Milano, organizzata dalla società Atletica '99 Vittuone che ha messo in moto una eccellente macchina organizzativa che ha anche costretto alla chiusura anticipata delle iscrizioni con ben oltre 1.100 (numero chiuso per offrire meglio a tutti i partecipanti i servizi pre e post gara).
... castello di Cusago ...
La sorpresa di questa giornata di Sport è stata la presenza della maratoneta italiana attualmente più forte: Sara Dossena, un grosso calibro che ha ovviamente polverizzato il record della gara in 1h 13' 26" (6° posizione nella classifica generale!).
... selfie con Sara Dossena ...
Non era una mezza che ci tenevo tanto a farla per un semplice motivo: si correva proprio nel nulla (!), in mezzo ai campi (Parco Agricolo Sud Milano), con clima prettamente "padano", lunghi tratti rettilinei che non finiscono mai, si aveva davanti lo stesso scenario, c'erano pochissime curve, insomma per me era tutto troppo monotono!
Però c'è un dato positivo che il tracciato era completamente pianeggiante, super collaudato, ben presidiato, ideale per tentare di portare a casa il proprio Pb (personal best) ed è per questo che è largamente apprezzata da tutti e che ogni anno arriva sempre al numero massimo di iscritti.
Per quanto mi riguarda mi sentivo in forma, sentivo che anche qua potevo fare una buona gara e per la prima volta avevo deciso di non seguire il gruppo dei palloncini, ma di provare di correre per conto mio sin dall'inizio.
Alle 9 ecco che scatta la partenza e subito, come al solito, avevo impostato un ritmo troppo veloce (3'56") e ad ogni chilometro controllavo l'orologio per capire se ero nel passo giusto.
... intorno al 3°/4° km in mezzo ai campi ...
... verso il traguardo ...
Sinceramente non era proprio così facile gareggiare in solitario, senza avere un punto di riferimento, però ovviamente avevo cercato di fare del mio meglio impostando appunto un passo regolare e ... diciamo che nel generale avevo svolto un buon lavoro.
Tutto era andato bene fino al 17° km (con la media del 04'09"/km), ma dal 18° km in poi purtroppo non ero riuscito più a tenere il passo, stavo andando gradualmente in crisi, però mi sentivo tranquillo proprio perchè mancava veramente poco e sapevo di stare abbondantemente sotto il muro dei 90 minuti.
Finalmente ecco che intravedo il cartello del 20° chilometro, avevo provato di fare un allungo, ma niente da fare, le gambe non reagivano più ai miei comandi, ero proprio sfinito ... e così alla fine ho tagliato il traguardo, sempre con il pollice all'insù, col tempo di 1h 28' 43" classificandomi 152° assoluto su 1026 finisher. E anche questa è fatta! avanti il prossimo! :-)
Per vedere il sito della gara: clicca qui !

domenica 3 febbraio 2019

Half Marathon dei Mille (Bergamo) - 3 febbraio 2019

Il cielo uggioso e il freddo che hanno colpito Bergamo nella mattinata di domenica 3 febbraio non ha fermato i 1142 atleti che hanno deciso di affrontare la settima edizione de "Mezza Maratona dei Mille", un evento sportivo competitivo organizzato dalla Società Sportiva dilettantistica Sport & Wellnes S.r.L.
Per me è la prima volta che partecipo e posso dire subito che è stata una bella mattinata di Sport, che mi sono divertito e di aver apprezzato anche il tracciato della gara.
La partenza era a Bergamo Alta, e precisamente presso Colle Aperto, mentre l'arrivo era ubicato nella città bassa, in via Sentierone dove era presente l'area Expo con tutti i servizi pre e post gara.
... via centrale della Città Alta ...
Inizialmente credevo che era una gara facile ed invece mi sbagliavo, si partiva subito in discesa, ma dopo circa 500 metri si doveva affrontare una salita tosta per poi correre tutta la via centrale della Città Alta per poi "immergersi" sulla strada tutta in discesa fino ad arrivare nella parte bassa della Città.
Qua il percorso (da compiere due volte) era sempre nervoso, non era del tutto pianeggiante, era un continuo falso piano, c'erano varie salite, non necessariamente impegnative, ma che comunque si facevano sentire... insomma ho capito che non era una mezza adatta per fare il tempone.
I chilometri passavano velocemente, fisicamente stavo bene, riuscivo a mantenere un buon passo intorno ai 4' 15"/km e il ragazzo del palloncino (pacemaker) l'avevo visto solo alla partenza. Avevo pensato di rallentare il ritmo per essere poi accompagnato dal gruppo, ma alla fine avevo preferito di rischiare e di affrontare la gara usando la mia testa. Avevo avuto un leggero calo solo alla fine, quando mancavano circa 3/4 km, ma ero riuscito a tenermi duro con la convinzione che avrei abbattuto il temibile muro dei 90 minuti.
... gli ultimi metri di gara lungo il Sentierone ...
In centro storico, intravedo il cartello del 20° km, avevo aumentato il passo stringendomi i denti, affronto il lungo Sentierone in mezzo a tanta gente e ho tagliato il traguardo col tempo di 1h 29' 15" classificandomi 103° assoluto su 1040 finisher.
Finalmente sono rimasto soddisfatto della corsa anche se ho avuto un pò di calo, contento del mio tempo e di aver affrontato questa competizione con più sicurezza, di aver gareggiato proprio come volevo e mi auguro di ripetere le stesse sensazioni già dalla prossima mezza maratona che ho programmato fra sette giorni... speriamo bene!
Per vedere il sito della gara: clicca qui !

martedì 29 gennaio 2019

Tedoforo Olimpiadi Invernali di Torino - 30 gennaio 2006 ... UN BELLISSIMO RICORDO ! :-)

UN TEDOFORO NON UDENTE PORTA LA FIACCOLA DELLE OLMIPIADI
Lecco, 30 gennaio 2006
Sono un ragazzo sordo dalla nascita... ma questo non mi ha impedito di coltivare la mia passione per la corsa in montagna... infatti pratico uno sport chiamato SkyRunner... è uno sport molto faticoso ma bellissimo, che è in grado di darmi delle soddisfazioni cui non posso più rinunciare...
Ho avuto anche parecchie soddisfazioni come per esempio... sono arrivato 2° posto nel 2003 nel Giro dei laghi del bitto, in val Gerola, e partecipando a quasi tutte le gare a livello italiano e internazionali, diciamo che ho sempre ottenuto dei buoni risultati ma per me contava solo partecipare e il mio unico obiettivo è quello di arrivare e tagliare il traguardo... che non è una cosa facile!! Corro per del Centro Atletica Lizzoli di Premana... siamo in circa 10 atleti...
In più sono stato convocato per il Portogallo dove, il 24 e 25 marzo, sarò uno dei due italiani che gareggeranno nell’8° campionato europeo dei sordi di cross country in programma a Oreiras (voglio precisare che non è uno skyrace, ma una campestre, e andrò per fare esperienza visto che le tecniche sono diverse... ma farò del mio meglio).
Ed ora il grande evento!!! Ho avuto l’onore di portare la fiamma olimpica per le vie di Lecco...
Avevo compilato un modulo via internet e quasi non ci credevo quando mi è arrivata una mail di conferma: ho provato una grande gioia e il momento più emozionante è stato quando la mia fiaccola si è accesa all’arrivo dell’altro tedoforo.  Sono stati dei momenti davvero indimenticabili.
Mi piace correre proprio perchè amo la natura... amo le montagne... è davvero un paesaggio unico... per carità mi piace anche il mare, ma preferisco di più la montagna... Infatti vivo in un piccolo paese che si trova a 1.000 metri d'altezza... Premana... Negli anni ho accettato il mio problema della sordità.
Fino a tempo fa non volevo essere così... ma poi ho capito, col tempo, che siamo tutti uguali...  siamo come gli altri... ho solo un problema... non sentire... ma so parlare, so scrivere, so ragionare, so fare gli sport, so fare la spesa, so guidare la macchina... so fare quasi tutto... tutto come gli altri ragazzi "normali"....
Sito dell'evento: clicca qui !

domenica 27 gennaio 2019

StraMagenta (Magenta - Mi) - 27 gennaio 2019

Questa mattina, sotto una finissima pioggerellina, si è svolta la 6° edizione de "Stra Magenta", una classica corsa competitiva Fidal (e non) di 10 km che piace e lo dimostrano i numeri di tutti gli arrivati: ben 1.400 (!), che sono giunti nella città che ha fatto la Storia (battaglia di Magenta della secondo guerra di indipendenza italiana - 4 giugno 1859).
L'avevo corsa nel 2014 (40' 21"), nel 2015 (38' 42"), nel 2016 (38' 38"), nel 2017 (39' 26"), saltato il 2018 (non mi ricordo il motivo) ed infine eccomi qua anche quest'anno e vorrei continuare a parteciparla negli anni avvenire.
Perchè è davvero una bella manifestazione, tutto organizzata molto bene dal ritiro del pettorale situato all'interno del comodo Palazzetto dello Sport fino al ristoro finale, tutto questo grazie al lavoro di Davide Daccò della società New Run Team che ha preso le redini dopo il crac dell'Atletica Palzola.
... Palazzetto dello Sport, il punto di ritrovo ...
Il tracciato era di 5 km da percorrere 2 volte, percorso abbastanza nervoso nella prima parte a causa di numerose curve, la presenza di alcuni ostacoli dove si doveva fare molta attenzione, passaggio all'interno nel parco di Casa Giaccobbe con uscita dal Municipio per poi attraversare la piazza del centro paese.
... la partenza della competizione ...
Mentre gli ultimi 2,5 km era più verso in periferia dove era più filante, più lineare dove si poteva accelerare e dare il massimo.
... un piccolo "riscaldamento" ...
La partenza era scattata alle 9:30 e subito avevo cercato di impostare il passo di 4'/km, ma poi mi rendevo conto che stavo andando un pò troppo forte ed infatti il primo giro l'avevo chiuso in 19' 37".
... l'uscita dal Municipio ...
Dopo circa il 6° km avevo cominciato, purtroppo, a rallentare il passo, un pò come mi era successo a Roma settimana scorsa.
Per non perdere la speranza, ogni atleta che mi superava cercavo di stargli dietro giusto per non perdere troppo terreno, era una tecnica per riuscire a buttare il muro dei 40 minuti.
Il 9° e il 10° km erano quelli che avevo sofferto molto di più perchè avevo portato le gambe "su di giri" che non so nemmeno come avevo fatto; ero proprio al limite, avevo addosso un fiatone da far paura, dove però, alla fine, ero riuscito a concludere la gara col tempo di 39' 55" classificandomi 204° assoluto su 917 finisher (tempo secondo giro: 20' 18").
... la "faccia" al termine del primo giro ...
Anche questa volta mi è andata bene proprio per una manciata di secondi e diciamo che per il risultato sono rimasto molto contento, ma per quanto riguarda la prestazione fisica invece no!
... la volata finale verso il traguardo ...
Mi rendo conto che sono ancora troppo lontano, che ho ancora tanta strada per avere quella forma, quel livello in modo da poter gareggiare bene fino al traguardo, senza andare in crisi, secondo me è solo una questione di tempo e soprattutto di armarsi di tanta pazienza! :-) o forse è l'età che si sta facendo sentire!?!
Per vedere il sito della gara: clicca qui !

domenica 20 gennaio 2019

20° La Corsa di Miguel (Roma) - 20 gennaio 2019

Si è svolta questa mattina, a Roma, la 20° edizione de "La Corsa di Miguel", corsa competitiva di 10 km organizzata dal Club Atletico Centrale per ricordare il poeta-maratoneta argentino Miguel Benancio Sanchez, uno degli oltre 30.000 desaparecidos, scomparso nel 1978.
Una giornata di Sport, ma anche di Festa, che ha richiamato migliaia e migliaia di runner che hanno preso parte alle tre prove in programma: la 10 km Competitiva e Non, e la Strantirazzismo di 3 chilometri aperta a tutti.
... riscaldamento sulla pista dello Stadio dei Marmi ...
Nella prova regina ha registrato un nuovo record di arrivati (ben 5451 runner!) confermando così la prima in assoluto sulla distanza di 10 km in Italia!
... stadio Olimpico ...
... partenza della prima onda ...
La partenza era suddivisa in tre onde proprio per facilitare il flusso di queste persone ed impostare sin da subito il proprio passo.
... con un gruppo d'amici di Roma ...
Lo start, scattato alle ore 9:30, era dinanzi il Palazzo della Farnesina (Ministero degli Affari Esteri) presso la zona del Foro Italico dove si raggiungeva rapidamente la strada principale avendo sulla sinistra il fiume Tevere.
Si passava dinanzi al Ponte Duca d'Aosta, poi Ponte della Musica e dopo circa 3 km si andava nell'altro lato del fiume passando sopra il Ponte del Risorgimento.
... davanti la sede del CONI ...
Da qui, "giro di boa" fino ad arrivare all'altezza del Ponte Milvio (siamo intorno al 6° km). Si attraversava questo ponte, curva a sinistra e si andava a prendere la ciclabile, sempre lungo il Tevere, si passava sotto il Ponte della Musica dove poi si prendeva la "rampa d'uscita" per immettersi così nuovamente sulla strada principale cambiando direzione.
... ritiro del pettorale ...
... pizza all'amatriciana pre-gara ...
Da qui si andava ad affrontare gli 2,5 km all'interno del Parco del Foro Italico (Stadio Pietrangeli, Stadio Centrale)... davvero spettacolare!
... medaglia finisher ...
... all'interno del Foro Italico ...
Ecco che stava arrivando il clou di tutto il percorso: segnaletica "Stadio Olimpico", si entrava all'interno del tunnel e dopo pochi metri ecco che si vedeva sullo sfondo la luce dell'uscita, curva a destra ed ecco che improvvisamente trovo davanti ai miei occhi lo spettacolare ed imponente stadio romano... dal vivo, mai visto d'allora!
... l'uscita del famoso tunnel incrociando gli occhi, pieni d'emozione, della mia fan ...
Proprio in quell'istante sentivo il cuore a mille, mi era venuta addirittura la pelle d'oca e trattenendomi l'emozione ho fatto l'ultima volata sulla pista d'atletica tagliando così il traguardo col tempo di 39' 56" classificandomi 468° assoluto su 5450 finisher.
... la super volata finale sulla pista d'atletica ...
Davvero super felicissimo di aver abbattuto il muro dei 40 minuti (percorso abbastanza difficile a cause di tante curve secche), di aver centrato l'obiettivo, del mio risultato, anche se sinceramente, proprio negli ultimi 3 chilometri, avevo avuto una leggera crisi.
Dopo avermi ripreso il fiato, ecco che era arrivato di godermi lo stadio olimpico a 360°, davvero spettacolare vedere così vicino, di toccare il prato del gioco :-) ... è stata davvero una esperienza impagabile e fantastica!
Per vedere il sito della gara: clicca qui !