domenica 26 febbraio 2017

domenica 19 febbraio 2017

13° Mezza maratona del Castello (Vittuone) - 19 febbraio 2017

Oggi è andata in scena la 13° edizione de "Mezza del Castello" svoltasi a Vittuone (MI), organizzata dall'Atletica '99 Vittuone che ha riscosso un grande successo in termine di iscrizione grazie al sold-out in largo anticipo (massimo 1.200 pettorali messi a disposizione). 
... Centro Socio Culturale ...
Numero chiuso giusto per consentire al meglio tutti i servizi pre e post gara. Si tratta di una maratonina molto veloce grazie al percorso molto pianeggiante, molto filante con dei lunghi rettilinei e con la presenza di pochissime curve (tracciato omologato dalla Fidal, Label Bronze). 
La partenza e l'arrivo erano molto vicini al Centro Socio Culturale, logistica principale, dove erano concentrati tutti i servizi: numerosi spogliatoi, un'area solo dedicato al deposito borse, grande ristoro finale, area per la consegna del chip. 
Per quanto riguarda il percorso, si correva pressoché nel "nulla", su stradine secondarie quasi tutto all'interno del Parco Agricolo Sud Milano con un paesaggio di campagna, tra cascine e fontanili dei comuni Sedriano, Bareggio Cornaredo, Cusago e Cisliano. 
Ovviamente il passaggio più bello è stato nel girare intorno nella piazzetta antistante allo storico e bellissimo Castello di Cusago, da cui deriva il nome della manifestazione, dove era anche il punto (giro di boa) per fare il ritorno verso Vittuone (siamo intorno al 10,5 km). 
... Castello di Cusago ...
Dopo la "brutta" avventura corsa a Verona sette giorni fa, questa volta non avevo scusanti, cioè non avevo problemi alla caviglia ed infatti ho concluso la gara con il solito tempo, ovvero sotto i 90 minuti. 
In questa competizione, stranamente, non c'erano i ragazzi coi palloncini (i pacemaker, che significa "tenere il ritmo") e così ho dovuto correre da "solo" e sinceramente non è stato facile. 
Ci ho messo un bel pò di tempo per poter riuscire a trovare il passo corretto e che poi alla fine, verso il 5° km, mi ero messo dietro a un piccolo gruppetto che avevano l'andatura giusta per me. 
Mentalmente ho sofferto più del solito, addirittura, ad un certo punto, sentivo che ero stufo di gareggiare proprio perchè non c'era niente intorno, c'era lo stesso scenario e mi sembrava di stare fermo sempre nello stesso punto! 
Negli ultimi due, tre chilometri purtroppo avevo iniziato a perdere il passo, non riuscivo a tenere il ritmo di questi ragazzi e piano piano li vedevo scomparire davanti ai miei occhi. 
... l'ultimo tratto in discesa ...
Finalmente ecco che mancava veramente poco, c'era da affrontare l'unica rampa con una piccola salita, direi anche un pò impegnativa, curva a destra, si attraversava il ponte, di nuovo curva a destra e da qui una leggera discesa dove avevo spinto al massimo fino a tagliare il traguardo col tempo di 1h 28' 54" classificandomi 194° assoluto su 1160 finisher. 
Senz'altro sono rimasto contento della corsa e della prestazione cronometrica, ma non soddisfatto, invece, dal punto di vista fisico perchè ero arrivato un pò cotto, stanco più del solito. Sicuramente è perchè sono indietro con gli allenamenti, faccio poche uscite settimanali e cercherò di migliorarmi per le prossime mezze che ho già in programma.
Per vedere il sito della gara: clicca qui !

domenica 12 febbraio 2017

Giulietta & Romeo Half Marathon (Verona) - 12 febbraio 2017

Con 6864 iscritti si può definire sicuramente che la X° edizione de "Gensan Giulietta e Romeo Half Marathon" (Verona) è una gara bellissima, la più amata, la più spettacolare, tanto da essere la più partecipata d'Italia mettendo solo davanti la Roma-Ostia (oltre 12.500 iscritti registrati nel 2012). 
Per me è la nona (9!) volta che partecipo a questa competizione veronese ed è diventato un appuntamento ormai fisso non solo per la bellezza del tracciato che va a toccare i punti più belli di questa città, ma è anche una "scusa" per passare un week-end insieme alla mia capa per festeggiare il San Valentino grazie ai vari eventi chiamato "Verona in Love" (clicca qui). 
Inoltre la competizione quest'anno ha ricevuto come premio il "Gold Label" assegnato dalla Fidal grazie al raggiungimento dei vari parametri di qualità agonistici (esempi: media dei primi tre tempi, numero totale classificati, etc.) e organizzativi (esempi: certificazione e omologazione percorso, rilevazione tempi e piazzamenti con transponder, presenza di un numero minimo di nazioni, montepremi, etc.). 
Quest'anno si sono registrati due nuovi record della gara: 1h 00' 24" (campo maschile, il keniano Edwin Koech) e 1h 09’ 15” (campo femminile, etiope Mimi Bele Gebregeiorges). 
Tempi davvero impressionanti considerando che il tracciato non era per niente pianeggiante a causa delle presenza di tante salite, l'attraversamento, più volte, dei vari ponti e sopratutto di numerose curve che si doveva cambiare continuamente il passo. 
... Palazzetto dello Sport ...
Il percorso è rimasto invariato con la partenza (alle ore 10) posto davanti al Palazzetto dello Sport (Quartier Generale) e con l'arrivo presso la bellissima Piazza Brà dopo aver affrontato l'indimenticabile passaggio all'interno della bellissima Arena! 
Solo in questo tratto magico ci dava davvero un'emozione unica che ci faceva venire addirittura la pelle d'oca! 
Domenica mattina quando mi ero alzato per prepararmi avevo sentito qualche fastidio alla caviglia "malata" ed era un pò più rigida del solito, non riuscivo a sbloccarla! 
Sicuramente è perchè il giorno prima (sabato) avevo sforzato troppo dopo aver camminato quasi tutto il giorno per la città, e con un pò di freddo, mi ha creato questo problema che sinceramente non ci avevo proprio pensato di stare più attento... e, come si dice, ormai il danno era stato fatto e non si poteva tornare indietro! 
Durante la gara i primi 6-7 km riuscivo a tenere il solito ritmo (4' 15"/km), ma poi avevo iniziato ad andare sempre più lentamente e venivo superato da una marea di atleti sentendomi un pò amareggiato per questa cosa. 
... una marea di podisti ...
Avevo cercato di tutto per riprendermi, ma non ci riuscivo proprio, le gambe non giravano per niente anche se il fiato era regolare, non sentivo nessun affanno, nessuna stanchezza! 
... Piazza Brà, poco prima dell'ingresso all'interno dell'Arena ...
Così avevo proseguito la corsa e pensare solo a portarla a termine godendo appieno il fascino di questa città di Giulietta & Romeo. 
... passaggio all'interno dell'Arena ...
Finalmente ecco che vedevo il cartello del 20° km (sinceramente non vedevo l'ora!) e dopo aver attraversato all'interno dell'Arena, si usciva da una rampa, curva secca a sinistra ed ecco che si vedeva una marea di gente e pochi metri più in là l'arco dell'arrivo. 
Avevo provato a fare uno sprint, una piccola volata finale, ma niente da fare e così, a "passo d'uomo", ho tagliato il traguardo col tempo di 1h 40' 12" classificandomi 1538 su 5391 finisher (517 coppie che hanno corso la Duo Marathon). 
... la famosa rampa d'uscita ...
Ovviamente sono contento di aver portato a casa l'ennesima gara fatta con sacrifici e sono curioso di sapere che cosa avrebbe fatto un altro al posto mio: si sarebbe ritirato?! A parte questo piccolo incidente, sono rimasto ugualmente felice di averla corsa e come sempre dò l'appuntamento al prossimo anno sperando però di fare una bella figura :-)
Per vedere il sito della gara: clicca qui !

domenica 5 febbraio 2017

IV° StraMagenta (Magenta) - 5 febbraio 2017

Questa mattina si è svolta, per la quarta volta, una manifestazione competitiva di 10 km denominata "StraMagenta" organizzata dall'Atletica Palzola, gli stessi che hanno organizzato la Stracanonica a dicembre scorso.  
Una bella corsa che si svolta a Magenta dove si ispira alla famosa battaglia della seconda guerra di indipendenza italiana (4 giugno 1859), da cui nasce il motto "Correre dove si è fatta la Storia". 
... Palazzetto dello Sport, quartier generale ...
Per me è la quarta volta che ci ritorno e spero di non saltarne nemmeno una perchè è una gara davvero molto bella ed organizzata molto bene. 
Se voglio trovare qualcosa di negativo cito soltanto che il Palazzetto dello Sport (punto di ritrovo) non era abbastanza grande per poter accogliere poco più di 1000 atleti, per non poi contare quelli che hanno corso la non competitiva! 
... "riscaldamento" ...
Il circuito lo conoscevo ormai a memoria, era lungo 5 km, prevalentemente pianeggiante, da percorrere due volte dove i primi 2,5 km si correva all'interno nel centro cittadino con tante curve per poi prendere il proprio passo, nella seconda parte del percorso, con dei rettilinei lunghi. 
Come da routine ci tenevo a fare una buona corsa, ma la vedevo molto dura visto che questa settimana ero andato a donare il sangue (Avis) e così non avevo fatto nessuna uscita settimanale. 
La partenza era scattata alle ore 10 dove la pioggia ci ha fatto compagnia per tutta la giornata ed ero partito abbastanza forte perchè non volevo essere "incastrato" subito in mezzo a tutti quei podisti. 
... termine del primo giro ...
I chilometri passavano veramente molto velocemente che quasi quasi non mi ero nemmeno accorto che stavo per completare il primo giro, infatti l'avevo chiuso in "soli" 19' 07" (media 3' 49"/km). 
... inizio del secondo giro ...
Verso il 6°/7° km avevo cominciato a sentire che non tenevo più lo stesso passo, stavo iniziando lentamente a decelerare, il carburante stava, anzi era già esaurito da un bel pò, non avevo le più forze! 
... verso il traguardo ...
Visto che sono un ragazzo tipico montanaro, con la testa testarda (un bel grapù!) :-), avevo deciso di non mollarmi e di tenermi duro fino al traguardo... e che fatica! Alla fine ho completato la gara col tempo finale di 39' 26" classificandomi 209° assoluto su 940 finisher (tempo secondo giro: 20' 19"). Non credevo veramente di aver battuto il solito muro dei 40 minuti perchè ero convinto di non farcela ed invece mi ero proprio sbagliato! Come sempre anche oggi è stata una bella gara, mi sono divertito parecchio, anche se ho sofferto di più del solito.
Per vedere il sito della gara: clicca qui !

domenica 29 gennaio 2017

31° Cross Marathon Seveso (Cross per Tutti - Seveso) - 29 gennaio 2017

La terza prova del circuito "Cross per Tutti" si è svolta a Seveso (MB) all'interno del parco chiamato "Bosco delle Querce" organizzata dalla società Marathon Club Seveso. 
In questa tappa ha visto registrare ben 1543 atleti che hanno cimentato su un tracciato bello, molto mosso, con la presenza di tante curve e saliscendi. 
Come le altre prove il circuito era lungo 2 km e che si doveva percorrere più volte a seconda della categoria di appartenenza. 
Dopo aver assistito alla gara dei master 50 e oltre, alle 9:45 in punto era scattata la batteria di cui facevo parte. 
La giornata era molto gelida, aria fredda, clima secco e il fondo del terreno era abbastanza duro, ma che poi si era un pò ammorbidito durante la corsa. 
Come sempre ci tenevo a fare una buona prestazione cercando di spingere sempre al massimo senza perdere terreno nella parte finale. 
... giro di boa ...
Anche questa volta è andata come volevo, dove il primo giro l'avevo affrontato in maniera soft, mentre il secondo, e soprattutto il terzo giro, avevo spinto di più sull'acceleratore recuperando varie posizioni fino al traguardo. 
Alla fine ho completato la gara col tempo di 24' 55" classificandomi 80° su 189 finisher. Concludo scrivendo che mi è piaciuto parecchio il percorso in mezzo al bosco perchè c'era un continuo cambio di ritmo, molto difficile e nervoso, ma nello stesso tempo era molto divertente!
Per vedere il sito della gara: clicca qui !